Diritti umani e benessere dei bambini.
A fianco di chi vive la discriminazione.

Polo Ex Fienile.
Comunicati Stampa

Periferia al centro attraverso arte e cultura: la sfida del Polo Ex Fienile

Si inaugura oggi il Polo di sviluppo educativo e culturale Ex Fienile a Tor Bella Monaca, struttura data in concessione dal Comune di Roma a un’ATS guidata da Associazione 21 luglio: la sfida è consegnare centralità alla periferia attraverso l’arte e la cultura.

Roma 2.3.2017 – Nel cuore di Tor Bella Monaca e a poca distanza dalla baraccopoli di Salone, Associazione 21 luglio rilancia il suo lavoro ripartendo dalle periferie, valorizzando le diversità culturali, le espressioni artistiche e gli spazi di aggregazione sociale, mettendo al centro le nuove generazioni e il dialogo interculturale, con un lavoro di rigenerazione del tessuto sociale ferito dagli scempi urbanistici e colpito dalle discriminazioni istituzionali.

Si svolgerà oggi a partire dall 15.30 in Piazza F.Mengaroni, 29 la cerimonia di inaugurazione ufficiale del Polo di sviluppo educativo e culturale Ex Fienile nel quartiere di Tor Bella Monaca. La struttura è stata data in concessione a un’A.T.S. di cui Associazione 21 luglio è capofila, risultando vincitrice del bando di Roma Capitale “Patrimonio bene comune” a ottobre del 2015, per la realizzazione di progetti per attività culturali e per una produzione culturale diffusa sul territorio urbano. L’A.T.S. comprende, oltre ad Associazione 21 luglio, anche l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata e Associazione Culturale Psicoanalisi Contro – Compagnia Teatrale Sandro Gindro. Acquisito ufficialmente a luglio del 2016 i lavori di ristrutturazione dell’Ex Fienile sono cominciati nei mesi successivi grazie all’impegno e ai finanziamenti di fondazioni private.

Da oggi il Polo Ex Fienile accoglierà attività di alta qualità e destinate a tutte le fasce di età: attività ludico-ricreative, spettacoli teatrali, percorsi artistici di musica e danza, cineforum, corsi universitari e concerti, oltre che servizi per il territorio come lo sportello legale per cittadini stranieri e quello di orientamento sociale, sanitario e scolastico.

«La scelta di Tor Bella Monaca, cuore dell’estrema periferia romana e non lontana dalla baraccopoli di Salone, non è casuale – spiega Associazione 21 luglio – ma deriva dalla consapevolezza che ogni attività educativa e culturale non può essere efficace se mantenuta in una dimensione di ghettizzazione etnica e di discriminazione positiva. Essa vive e cresce soltanto se capace di creare “contaminazione”, e di promuovere energie che partono dal “basso”».

Agire contribuendo a portare bellezza e arte tra cubi di cemento e abitazioni delle baraccopoli è una sfida nuova e importante che auspica di innescare un numero sempre maggiore di persone in un percorso verso la cittadinanza piena e consapevole a cui tutti dovremmo aspirare.

Scegliere la periferia come luogo di lavoro esplicita la volontà di ripartire da quanti oggi nella città di Roma sono vittime di amnesia istituzionale, di discriminazione e disuguaglianze. È una scelta “politica” in linea con la nuova mission di Associazione 21 luglio che pone l’accento su un approccio radicato nei diritti umani, operando in difesa non di un gruppo etnico in quanto tale ma di coloro che subiscono la segregazione abitativa e la discriminazione.

Per maggiori informazioni:
Elena Risi
Ufficio stampa e comunicazione
Associazione 21 luglio
Tel. 06.64815620 – 388.4867611
Email: stampa@21luglio.org
www.21luglio.org